HOME >>> http://www.waggingweb.com/

CUCCIOLO DA SGRIDARE?
Ciao a tutti, volevo un informazione, ho un cucciolo di 5 mesi e ancora oggi logicamente ha bisogno di attenzioni e di essere educato.. mi hanno detto che per sgridare il cucciolo oltre alla voce, devo prenderlo e tirarlo su leggermente sopra il collo, mi hanno riferito che così fa la sua mamma per sgridarlo.
attendo la vostra risposta e vi ringrazio per l'attenzione.
Vi scrivo ancora, perché vi volevo inoltre chiedere, il cucciolo, 5 mesi, quando andiamo in giro o a volte in casa, quando vede degli estranei, gli fa le feste, sinceramente non mi sembra un atteggiamento carino dato che il cucciolo è di taglia media, e non è uno di quei cani piccoli da "tutto coccole", non ha diffidenza con nessuno, mentre con i cani ci pensa 2 volte prima di buttarsi a giocare.
Come devo fare per fargli capire che non deve fare feste (saltare addosso oppure farsi accarezzare...) da tutti?
penso che non sia positivo avere un cucciolo "troppo" buono, la gente non è tutta brava, ci sono persone che fanno del male ai cani ( bocconcini avvelenati, rubare i cani...), quindi è meglio insegnare al cane a diffidare, ma come???
grazie ancora, Simona
WAGGINGWEB RISPONDE
Cara Simona, afferrare il cucciolo per la pelle del collo e scuoterlo è sicuramente un metodo che può impressionarlo, spaventarlo e persino fargli del male. Non è però un buon metodo per educarlo, e non è certo naturale. La mamma non fa mai niente del genere con i cuccioli. E’ una leggenda cinofila, niente di più. In realtà i cani adulti a volte schiacciano a terra (NON li sollevano!) i cuccioli afferrandoli con la bocca, ma senza stringere e senza fare del male. Si tratta di un comportamento che insegna al cucciolo a inibire ogni reazione, ad auto controllarsi. Il cucciolo impara che in certe situazioni è meglio stare immobile, tutto qui. Le persone però non sono altrettanto abili, e rischiano solo di spaventare il cucciolo, di stressarlo e di spingerlo a scappare o a ribellarsi. La paura non aiuta mai a imparare, questo vale per i cani e per le persone. Un cucciolo è una creatura indifesa: non ha la forza, la sicurezza, la capacità di difendersi. Quando si trova davanti a un estraneo, molto più grande e forte, l’unica cosa che può provare a fare è diventare amici. “Fare le feste” per il cucciolo significa dire a chi gli sta davanti: “sono tanto buono, vero che siamo amici?”. Un cucciolo confidente, socievole, pronto a fare le feste a tutti, è un cucciolo con un bellissimo carattere. E’ davvero un peccato rompere questa fiducia nell’uomo insegnandogli a diffidare delle persone. La diffidenza si basa sulla paura, e può portare come conseguenze la fuga o l’aggressività. Questi due comportamenti però renderebbero molto difficile vivere in armonia con il cane: per te, perché dovresti fare attenzione ogni volta che il cane incontra qualcuno, per il cane, perché ogni volta che incontra qualcuno penserebbe di avere un grosso problema da risolvere. L’educazione serve proprio per evitare questi problemi.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
 Perché pensi di dover sgridare e impressionare il cucciolo? Se il tuo problema è evitare certi comportamenti sgraditi, come saltare addosso, mordicchiare o fare buche in giardino, sgridarlo non servirà a molto. Il cucciolo imparerà ad avere più paura di te, a inibire ogni suo comportamento quando tu sei vicino a lui, non molto altro. Un cucciolo ha bisogno di imparare cosa PUO’ fare, sapere qual è l’alternativa migliore in una certa situazione, capire che cosa vuoi da lui. Prova a ricordare le prime volte a scuola, o le prime lezioni sulla bicicletta. Preferisci un insegnante che urla e sbraita ogni volta che sbagli, o uno che ti incoraggia e ti aiuta a capire cosa devi fare? Se il cucciolo fa qualcosa che non ti piace, cerca di distrarlo, e di premiarlo quando fa qualcosa che ti è gradito. Ti salta addosso? Prova a tenere un giocattolo o un bocconcino in alto, e darglielo non appena è con le 4 zampe a terra. Vedrai che in pochi giorni imparerà che il modo migliore per ottenere quello che vuole non è saltare, ma stare a terra!
Fare le feste. Ok, preferisci che il tuo cucciolo non corra verso tutte le persone e cerchi di leccarle e saltare addosso. Questo però non significa che il tuo cucciolo deve imparare a diffidare degli estranei. Perché invece non cerchi di aumentare la sua attenzione su di te? Portati dietro dei gustosi bocconcini, e quando il cucciolo “punta” una persona, richiamalo, e dagli il bocconcino in premio. Vedrai che se gli insegni a non saltare addosso, e a venire verso di te quando incontrate qualcuno, otterrai il risultato che desideri senza doverlo mai sgridare! La sua attenzione verso le persone che non conosce si ridurrà con la crescita. Verso l’anno di età il cane tende infatti a ridurre i contatti con gli estranei, e a preferire la compagnia delle persone che conosce. Questo cambiamento è più marcato in alcuni cani e alcune razze (cani da guardia), e meno in altri (come i Retriever).