HOME >>> http://www.waggingweb.com/

LE PATOLOGIE DEL DOBERMANN BLU
Ciao,  mi chiamo Silvia , ho una domanda da porvi e spero vivamente che almeno voi sappiate darmi qualche informazione in più di quelle che ho.
Ho acquisto un DOBERMANN  BLUE da pochi mesi da un allevamento, il padre è marrone la madre nera. Sono al corrente che non posso avere il pedigree, ma non è questo che mi interessa. Ho scelto il dobermann per il suo carattere avendone già avuto uno (anche se non puro) conosco la sua innata dolcezza e il suo amore profondo per il suo padrone e nonostante quello che possano dire su questa razza trovo sia un cane eccezionale sul quale si è speculato molto.
Tornando alle mia domanda.
Conoscete dei problemi genetici e ereditari legati a questo colore BLUE (visivamente è grigio cenere)? In particolare malattie collegate al pelo e al derma? Sapete se ci sono dei libri o delle ricerche su questo argomento? Ve ne sarei riconoscente, perché anche se ormai ARGO rimarrà con me per sempre, vorrei sapere almeno a cosa vado incontro.
Ringrazio in anticipo.
WAGGINGWEB RISPONDE
Il colore blu è stato eliminato dagli standard europei, ma è tutt’ora ammesso da quelli americani (con il colore isabella). Il blu è determinato dalla diluizione del pigmento nero nel pelo (nell’isabella si ha invece la diluizione del pigmento marrone). La diluizione è a carico di un gene, il gene D – diluizione, che agisce sulle aree nere (o marroni), e non su quelle focate o su eventuali aree bianche. La principale patologia legata alla diluizione del colore è conosciuta con diversi termini: sindrome del Dobermann blu, alopecia da mutazione del colore, sindrome del Setter Irlandese isabella, malattia del cane blu (in inglese: blue Dobermann sindrome, color mutant alopecia, Irish setter sindrome, blue dog disease). Alopecia significa perdita del pelo. Il mantello si presenta prima rado, a macchie, e quindi si ha la perdita definitiva del pelo. L’ereditarietà di questa patologia non è chiara, non tutti i cani blu o isabella sviluppano questa malattia. La patologia è più frequente nel Dobermann, con il 90% dei Dobermann blu e il 75% degli isabella colpiti da alopecia; si manifesta anche nei chihuahua, Chow Chow, Bassotto, Shetland Sheepdog, Barbone, Whippet, Yorkshire (nelle varietà a mantello blu). I cuccioli nascono con un mantello normale. I primi cambiamenti avvengono dopo i 4-6 mesi, nei cani color blu acciaio scuro può non manifestarsi fino ai due anni. Il primo sintomo può essere una infezione batterica, (follicoline), ricorrente; si manifesta generalmente sul dorso, con papule, pustole, pelle secca e arrossata. Può essere curata con antibiotici, ma nell’area colpita il pelo ricresce molto lentamente, o rimane glabro. La perdita di pelo si estende nel tempo a tutta l’area del corpo con pelo blu. La pelle glabra è suscettibile alle radiazioni solari e al freddo. Non si hanno altri problemi di salute connessi. La diagnosi avviene con esame istiologico. Sintomi simili possono essere causati anche da altre patologie: demomicosi o disordini endocrini (ipotiroidismo). Il cane può vivere una vita normale, con trattamenti sintomatici periodici, proteggendo la pelle dalle radiazioni con creme solari e dal freddo con un cappottino.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
Cara Silvia, ammiriamo davvero la tua scelta, e ci auguriamo che Argo sia tra i Dobermann blu fortunati, non colpiti da questa patologia. Di sicuro il tuo veterinario può esserti di grande aiuto, informandoti in modo più dettagliato di quanto possiamo fare noi. Durante la ricerca di dati su questa patologia ci ha colpiti in modo particolare un sito, che racconta la piccola storia di un cane blu, e la sua vita felice malgrado questa patologia. L’indirizzo è: www.kramerdog.com/info.html Altre informazioni le trovi digitando “Color mutant alopecia” nei motori di ricerca.