HOME >>> http://www.waggingweb.com/

CUCCIOLO MAREMMANO-ABRUZZESE DIFFIDENTE E DISTRUTTIVO
Salve!
Sono un felice ma preoccupato possessore di un cucciolo di 4 mesi di Pastore Maremmano Abruzzese. Da subito il cane ha manifestato un certa diffidenza verso i nuovi padroni (me compreso). Dopo un breve periodo Pablo (si chiama cosi') ha accettato la nuova famiglia con affetto ma e' sempre testardo ed aggressivo verso ogni rimprovero ed ha un atteggiamento distruttivo verso tutto, sporca, danneggia, abbaia.... insomma e' un flagello!! Il punto ad oggi e' questo: il cane e' ostile con gli estranei ma ha aggredito gravemente anche me e la mia compagna...
Desidero questo cane!!! Tutti mi scoraggiano mi consigliano di picchiarlo e di tenerlo legato.... ma io vorrei un maremmano molto affettuoso e di cui avere fiducia...
Ho avuto altri cani (meticci) e non ho mai avuto di questi problemi
Cosa posso fare? Non conosco centri competenti qui in Sicilia ma vorrei
rimediare da solo... esiste qualche libro?
Veramente AIUTO!!!
Grazie
Antonio (Palermo)
WAGGINGWEB RISPONDE
Caro Antonio, grazie per esserti rivolto a noi per avere dei consigli. In queste occasioni ci dispiace solo di non poterci trasferire materialmente per poter vedere insieme la situazione e trovare la soluzione migliore per tutti. Il Maremmano-Abruzzese è un bellissimo cane da lavoro. Il suo compito è proteggere il gregge dai predatori, in Italia dal lupo e dai cani inselvatichiti. E’ un cane di grande taglia, mediamente attivo e reattivo, poco giocherellone (non deve inseguire per gioco le pecore), molto affezionato ma poco affettuoso, indipendente, spesso diffidente con le persone che non conosce, a volte aggressivo. Non è il cane ideale da compagnia, soprattutto se non si è in grado di valutare e apprezzare il suo carattere da guardiano delle greggi.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
E’ sempre molto difficile dare un giudizio su cani e situazioni che non si conoscono direttamente, nel tuo caso però posso dire con una certa sicurezza che alla base dei vostri problemi c’è la paura. Un cucciolo di 4 mesi non aggredisce un uomo adulto per averne un vantaggio, come potrebbe fare un cane adulto che ha imparato a risolvere i propri problemi con l’aggressività. Un cucciolo ricorre all’aggressività solo se ha molta paura, e non sa cosa fare. Pablo è confuso, spaventato. In questa situazione sgridarlo, picchiarlo o legarlo significa aumentare il suo timore e la sua aggressività. Il suo stato di stress si manifesta anche con la distruttività, e l’incapacità di comunicare con te (disobbedienza). Il nostro consiglio è costruire poco per volta, con tanta pazienza, gentilezza e affetto, un rapporto basato sulla fiducia e la collaborazione. Evita ogni conflitto con Pablo: non chiedergli di obbedire a comandi, non costringerlo ad avvicinarsi a estranei, non lasciarlo solo dove può fare disastri. Evita in tutti i modi di sgridarlo o di essere duro e teso quando ti è vicino. Se gli piace il cibo (purtroppo molti Maremmani non sono motivati dal cibo), usa dei bocconcini per fargli capire quando fa qualcosa che ti va bene. Cerca di non vedere nel tuo cane solo i lati negativi (“lo vorrei affettuoso invece è aggressivo, lo vorrei ubbidiente invece è testardo…”), ma di accettarlo per come è, e di aiutarlo a inserirsi senza stress nella tua famiglia. Forse Pablo non ha avuto la possibilità di vedere persone nelle prime settimane di vita, e quindi oggi ne ha paura. Qualunque sia la causa, la soluzione è dargli fiducia, affetto, rinforzare i suoi comportamenti graditi. Prova a contare quante volte sei scontento e quante invece sei contento di Pablo. Cerca di trovare il modo per ridurre le prime, e aumentare le seconde. Come vedi, non ti sto dando dei consigli per “curare” Pablo, ma piuttosto per cambiare il tuo atteggiamento. Pablo è un cucciolo spaventato, che non sa trovare altra soluzione che la diffidenza e l’aggressività. Tocca a te insegnargli che esistono modi migliori per vivere insieme! La tua parola d’ordine deve essere trovare il modo per dirgli “Bravo cucciolo!” e per non dirgli mai “Guai a te!”. Se hai altri dubbi, non esitare a scriverci!