HOME >>> http://www.waggingweb.com/

CANI IN ADDESTRAMENTO & VITA IN FAMIGLIA
Ho un pastore tedesco e l'ho portato ad un centro di addestramento.Vorrei farle una domanda se mi permette e la prego di rispondere con sincerità.Ho un bambino di due anni che giocava con "CIRA", essendo mio figlio molto giocherellone; una volta addestrata potrebbe essere pericolosa per il bambino o posso dormire sogni tranquilli. La prego vivamente di essere sincero perché ne va della mia condotta con il cane a cui sono molto affezionato e in caso di risposta aggressiva sono disposto a ritirarla da centro di addestramento...
La ringrazio anticipatamente
Giacomo
WAGGINGWEB RISPONDE
Caro Giacomo,
per poter rispondere alla tua domanda mancano alcune informazioni. Scrivi di aver portato il cane a un centro di addestramento: significa che hai lasciato il cane all’addestratore? Non spieghi quale tipo di addestramento viene richiesto al tuo cane: obbedienza o difesa? Hai portato Cira ad addestrare per l’obbedienza, o per altri problemi? Che età ha Cira?
Senza queste informazioni quello che possiamo dirti (con sincerità, il nostro motto è “niente peli sulla lingua”!) è: lasciare un cane in addestramento è costoso, rischioso e da’ pochi risultati. Costoso perché devi pagare la pensione + l’addestramento. Rischioso perché alcuni addestratori irresponsabili lasciano il cane in box per giorni, e lo “addestrano” in poche ore con metodi severi, se non brutali. Un addestratore professionista è in grado di insegnare l’obbedienza di base a un cane in poche sessioni: il lavoro più lungo, impegnativo e duro è insegnare al padrone come gestire il cane, non al cane a obbedire a 3-4 comandi! Inutile perché il cane si condiziona ad obbedire all’addestratore su quel campo di addestramento, e non a capire e obbedire al padrone a casa.
L’addestramento all’obbedienza non dovrebbe mai rendere il cane aggressivo. Può però succedere se vengono usati metodi brutali (strattoni con il collare a strangolo, collare a punte, collare elettrico, punire il cane quando sbaglia, costringerlo all’obbedienza). Il cane impara che l’obbedienza è qualcosa di sgradevole, può perdere fiducia nell’uomo, avere atteggiamenti di paura o di aggressività da auto-difesa. L’obbedienza è un lavoro lungo e impegnativo, che richiede capacità di capire il cane e di farsi capire, capacità di motivare il cane, di rendere piacevoli gli esercizi, capacità di trovare un equilibrio nel rapporto.
L’addestramento alla difesa può essere un gioco divertente, se il cane si diverte a giocare a mordere una finta preda di tela. I cani sportivi mordono per gioco! (vedi: vietato mordere). Può però essere molto pericoloso, se il cane non ha questa motivazione. Cani che hanno una bassa motivazione al gioco di predazione vengono istigati a mordere in aggressività: il cane viene minacciato e colpito con un bastone, una frusta o pizzicandolo sui fianchi finché non reagisce con aggressività. A questo punto l’addestratore scappa, e il cane impara che per evitare una situazione spiacevole la strategia migliore è l’aggressività. Questo sistema è molto pericoloso, perché rompe il legame di fiducia del cane verso l’uomo, e gli insegna ad avere comportamenti aggressivi in situazioni di stress.
IL NOSTRO CONSIGLIO
Non lasciare il cane all’addestratore. Segui un corso di obbedienza di gruppo, dove vengono utilizzati metodi gentili: il proprietario impara a premiare i comportamenti graditi, e a ottenere l’obbedienza attraverso la motivazione e la collaborazione, non con la forza. Rifiuta di utilizzare metodi brutali: il cane è tuo, e nessuno può costringerti a fare qualcosa che non ti piace. Un addestratore inglese scriveva: “Guardate lavorare l’addestratore; se non vi piace quello che vedete non piacerà neppure al vostro cane!”. Un buon centro di addestramento garantisce rispetto per te e per il cane, simpatia e professionalità (puntualità, pulizia, strutture adeguate, competenza). Le qualità migliori di un corso di obbedienza? Sia tu che il tuo cane dovete divertirvi, sia tu che il cane dovete imparare!