HOME >>> http://www.waggingweb.com/

CONVIVENZA TRA PASTORE TEDESCO, GATTO E CONIGLIO
Possiedo un Angora Turco  ed un coniglio nano , entrambi con più di un'anno e mezzo d'età , entrambi già adulti e diffidenti verso le novità , soprattutto se sono quei "rumorosi" , "insolenti" ed "invadenti" cani.
In famiglia abbiamo deciso di comprare una cucciola di Pastore Tedesco che dovrà avere al massimo due mesi.
Posso sperare in una pacifica convivenza , evitando di far fuggire il gatto e far morire d'infarto il coniglio o peggio ancora farli morire per mezzo del nuovo ospite?
Se può , mi invii dei consigli.
Cordiali saluti 
WAGGINGWEB RISPONDE
Per pura coincidenza la nostra amica veterinaria vive con gatti, conigli e un cane. Il primo cane adottato è stato un Dobermann maschio, il secondo una meticcia di piccola taglia. Secondo la dottoressa, il rischio di grave stress è alto soprattutto per il coniglio. Un coniglio può letteralmente morire di paura se inseguito o anche solo avvicinato da un cane. Purtroppo la maggior parte dei cani sembra irresistibilmente attratta dai conigli, e non resiste alla tentazione di annusarli rumorosamente, inseguirli o tentare di acchiapparli. Sangue di lupo non mente! Con il gatto i problemi sono tutto sommato minori. I gatti sono più abili a sfuggire alle attenzioni indesiderate del cane, a difendersi e insegnare al cane una distanza di rispetto dagli artigli. Il cucciolo che viene dolorosamente graffiato sul muso impara ad associare il dolore al soffio di avvertimento, e a stare alla larga quando il gatto è insofferente. In definitiva, introdurre un cucciolo significa causare stress negli animali già presenti, ma non è comunque una missione impossibile.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
Consideriamo innanzitutto la scelta della razza. Per i vostri due inquilini probabilmente sarebbe più indicato un cane di piccola taglia (non un terrier! Abbaiano troppo e hanno un impulso alla predazione decisamente elevato). Altra caratteristica da considerare è la reattività. Un cucciolo vivace, che corre per casa, abbaia e gioca con il muso e le zampe è certo più traumatico di un cucciolo che sonnecchia beato nella sua cuccia. Il Pastore Tedesco però non mi sembra comunque una scelta sbagliata. Questo perché scrivete di preferire la femmina, che ha in genere una maggiore duttilità e disponibilità all’educazione. Scegliete però una cucciola dal carattere solare, socievole, poco aggressiva, non timida, non iper-reattiva, simpatica. Alcuni PT sono straordinari, ma esistono purtroppo anche esemplari poco equilibrati. Osservate con attenzione i genitori dei cuccioli: è il tipo di cane che vorreste avere in casa? Ok, adesso arriva il momento delle presentazioni. Evitate un confronto diretto con il coniglio, tenetelo in una stanza differente finché non si è abituato all’odore della nuova arrivata. Evitate anche scontri con il gatto, tenendo la cucciola al guinzaglio (non deve inseguire il gatto e non deve prendersi graffiate sul muso). Tenete cane e gatto nella stessa stanza solo se siete presenti. Date gustosi bocconcini al gatto e al cane se non hanno atteggiamenti di insofferenza. Non smettete di dare attenzioni al gatto e al coniglio. Iniziate immediatamente l’educazione della cucciola, rinforzando tutti i comportamenti graditi: ignorare il gatto, ignorare il coniglio, venire quando la chiamate, andare a cuccia a comando, sedersi e mettersi a terra. Usate la gentilezza, la pazienza, l’affetto. Non sgridate gli animali, e cercate di limitare lo stress e di evitare incidenti. Ci vorrà del tempo, ma prima o poi si abitueranno a vivere insieme! Se avete problemi nella scelta della cucciola o nella convivenza, contattateci!