HOME >>> http://www.waggingweb.com/

CANI DA GUERRA
Buongiorno. Sto preparando la tesina per la mia maturità. Mi servirebbero delle informazioni sugli esperimenti tossicologici e chimici fatti sui cani durante le due guerre mondiali (utilizzo maschere anti-gas,...). e sulla nascita di nuove razze nelle prima grande guerra. Per favore, sapreste indicarmi qualche link utile a riguardo? Avete già voi delle informazioni su questo tema? Ringraziandovi anticipatamente per il vostro aiuto, attendo una vostra risposta Annachiara
WAGGINGWEB RISPONDE
Esistono siti americani molto ben documentati, puoi trovarli usando come parole chiave "war dog". Anche i francesi hanno pubblicato qualcosa in rete, e so di un libro dedicato ai cani "da guerra". Le razze utilizzate durante le due guerre mondiali sono in gran parte preesistenti, come l'American Staffordshire, l'Airedale, il Siberian Husky o il Maremmano Abruzzese, il Pastore Belga, il Border Collie... La Germania è stata la prima nazione a selezionare cani per compiti di polizia e militari (il Pastore Tedesco). Il padre della razza, von Stephanitz, è un militare, e fin dalle origini il Pastore Tedesco è considerato cane militare. Secondo diversi autori, l’addestramento moderno nasce nel 1900. Uno dei padri è il tedesco Konrad Most, capitano dell’esercito tedesco e responsabile del servizio di cani militari durante la prima Guerra Mondiale. Originariamente pubblicato nel 1910 (in Italia nel 1954 da Nicolosi Editore), il suo libro “L’addestramento del cane”, anticipa molti concetti e principi ripresi solo negli anni successivi dagli studiosi di comportamento. E’ proprio l’uso del cane in compiti militari e di polizia a diffondere e sviluppare l’addestramento moderno. In Gran Bretagna il colonnello E.H. Richardson fonda nel 1916 la prima scuola di addestramento per cani militari, in Germania nel 1917 nasce la prima scuola di addestramento per cani per ciechi, seguita nel 1929 dagli Stati Uniti. Le tecniche di addestramento sono descritte nei libri da autori come Joseph Couplet, Manfred Muller, Johann Shoenherr. Tra le due Guerre Mondiali la Germania si pone come riferimento per le tecniche di addestramento, esportando istruttori e metodi, oltre alla razza più utilizzata, il Pastore Tedesco.