HOME >>> http://www.waggingweb.com/

INTOLLERANZA TRA DALMATA E BOXER
Ho visitato il vostro sito perché ho due cani, un dalmata di 3 anni e un cucciolone di boxer di 10 mesi. Da circa 1 mese i due litigano ferocemente tanto che sono costretta a tenerli divisi. Purtroppo però li tengo in casa con me e, credetemi, non è facile.. Il veterinario al quale mi sono rivolta mi ha proposta la castrazione di uno dei due. Sono un po' incerta, voi cosa ne dite? Adoro tutti e due e non è facile trovare una famiglia che adotti il boxerino e lo tenga come dico io! grazie per la risposta e tenete presente che non sono semplici litigi, si morsicano a sangue! Flavia
WAGGINGWEB RISPONDE
Gentile Flavia, le cause di uno scontro tra i cani non sono molte: il possesso di una risorsa, la gerarchia, l’intolleranza. Nei primi due casi, una volta definita la questione, i cani tornano a vivere insieme senza problemi. Nel terzo, l’obbiettivo dello scontro è l’allontanamento o l’eliminazione dell’avversario. L’intolleranza nasce più facilmente tra cani con caratteristiche simili: età, sesso, temperamento, conformazione fisica. Il suo boxerino ha smesso di essere un cucciolo, ha raggiunto l’età della maturità sessuale, e questo ha sicuramente scatenato la competizione, il conflitto e le prime risse tra i due. Per risolvere il suo problema ha due sole strade. La prima è ricostruire un legame sociale tra i due cani. La via più breve e quella che da maggiori risultati è fare in modo che i due cani dipendano uno dall’altro per avere un contatto sociale. Ergo: lasciarli da soli per un certo periodo in un recinto. Il recinto ovviamente deve essere abbastanza grande da permettere ai due cani di limitare il rischio di conflitti stando a una certa distanza uno dall’altro. I due cani devono anche essere lontani mentre mangiano, e i contatti con l’uomo devono essere limitati, o individuali. Solo se i due cani imparano a tollerarsi, è possibile introdurli di nuovo in casa, ma questo può comunque causare nuovamente intolleranza. Seconda strada: dividere i due cani definitivamente, anche dando in adozione il cucciolone di boxer. Castrare uno o tutti e due i cani avrebbe forse potuto prevenire i conflitti, soprattutto se aveste castrato il boxer prima della maturità sessuale (il dalmata non si sarebbe sentito in pericolo, e il boxer non avrebbe avuto l’impulso ad entrare in competizione). Dubito che in questo momento possa risolvere qualcosa. Per quanto conosco la cultura italiana, trovare una sistemazione per un boxer maschio castrato può essere piuttosto arduo... Purtroppo non ho altre soluzioni da consigliarvi.