HOME >>> http://www.waggingweb.com/

GATTO SACRO DI BIRMANIA CON ALOPECIA PSICOGENA
Ciao a tutti, mi chiamo Chiara e ho tre splendidi Sacri di Birmania, la mamma e due piccolini (si fa per dire). Da dicembre 2001 la mamma, Lady di 9 anni, ha cominciato a perdere pelo sulla schiena e sulle zampe posteriori; il veterinario a pensato che fosse una micosi, ma le cure non le facevano niente; poi una dermatite, ma ancora niente. Cosi' a Giugno l'abbiamo portata alla clinica veterinaria dell' Università di Pisa (io abito a Firenze) e lì le hanno diagnosticato un' Alopecia Psicogena. Ci hanno detto di cominciare subito con un farmaco di cui purtroppo adesso non ho sottomano il nome. E' una specie di antidepressivo che in 3 mesi la fatta guarire quasi completamente. Dopo però neanche due mesi che stava benino ha ricominciato a perdere pelo e nonostante stia ancora prendendo quel farmaco le cose non stanno migliorando affatto! Potete darmi un consiglio? Grazie Chiara
WAGGINGWEB RISPONDE
Ogni programma di terapia comportamentale deve essere associato a un programma di modifica del comportamento. Cosa significa? Non basta somministrare un farmaco per risolvere un problema di comportamento. E’ necessario anche intervenire sulle cause del disturbo, sia modificando l’ambiente, sia desensibilizzando e ricondizionando l’animale. Modificare l’ambiente significa cambiare l’ambiente fisico e sociale del gatto, in modo da ridurre lo stress che è probabilmente all’origine di questa patologia. La causa di stress può essere la presenza degli altri due gatti, in questo caso la micia dovrebbe avere a disposizione uno spazio riservato, l’accesso alla cuccia, la ciotola e la cassetta igienica senza dover incontrare gli altri gatti. Può anche essere una variazione nelle abitudini, l’uso di certi prodotti, o altro. In genere però sono proprio le tensioni sociali a causare i disturbi più gravi. Altro fattore importante da considerare è il vostro atteggiamento: non dovete in nessun modo dare attenzione alla gatta quando si lecca. Questo rende il comportamento vantaggioso (la micia ottiene attenzione), o aumenta lo stress (se viene sgridata) e in ogni caso peggiora il problema. Dovete piuttosto interromperla PRIMA che cominci a grattarsi, e premiarla se fa qualcos’altro. Solo in questo modo è possibile aiutare la gatta, e risolvere il problema.

GATTA CON ALOPECIA PSICOGENA

La gattina da circa un anno presenta una pesante perdita di pelo nella metà inferiore del corpo, con particolare gravità sull'addome e sulle cosce. Nella primavera scorsa la abbiamo portata a Pisa alla Clinica Veterinaria dell'Università, dove la Dott.ssa Guidi, insieme ad alcuni collaboratori fra cui un dermatologo, dopo numerose analisi ed una visita approfondita, diagnosticò una forma di Alopecia Psicogena (sindrome del Silent Groomer dato che il pelo appariva spezzato a filo della cute probabilmente da una intensa attività di leccamento) legata presumibilmente a situazioni di stress (effettivamente nei mesi precedenti una mia seria malattia aveva causato una situazione ambientale "pesante"), da curare con uno psicofarmaco, il Triptizol.In un primo tempo i risultati sono stati ottimi, con una ricrescita del pelo praticamente ai livelli normali. Nel tardo autunno scorso poi la cosa si è nuovamente manifestata, anche se in modo meno pesante, dopo il nostro trasloco in una nuova casa con tutti gli scombussolamenti connessi, ed anche la cura con il Triptizol prontamente ripresa non ha sortito risultati apprezzabili.Attualmente la gattina ha la porzione inferiore dell'addome ed entrambe le zampe posteriori praticamente "rasate a zero", mentre la parte superiore vicino alla coda modestamente spelata e con il pelo in ricrescita.Desideravo sapere se le risultano casi simili ed eventualmente se è a conoscenza di cure più efficaci. Augurandomi che la sua esperienza professionale possa individuare una soluzione del problema La ringrazio per l'attenzione e porgo cordiali saluti Maurizio
WAGGINGWEB RISPONDE
Gentile Maurizio, la sintomatologia che descrive è purtroppo assai frequente nei gatti, ma sottovalutata o scarsamente compresa, ahimè, dai veterinari! Innanzitutto si effettua un accurato controllo clinico per escludere o comprendere la portata di patologie cliniche concomitanti (intolleranza alimentare, parassiti etc.), passo che credo sia stato svolto
in facoltà a Pisa. Se i sintomi riferibili ad alopecia psicogena sono confermati, si cerca di comprendere la motivazione che spinge il gatto a leccarsi e ad asportarsi il pelo, in quanto non è sufficiente parlare genericamente di "stress" per risolvere il problema. Senza questo punto fondamentale è impossibile impostare un piano terapeutico idoneo, che può
includere farmaci ma che si basa soprattutto su tecniche di modificazione del comportamento e su variazioni ambientali. Il solo fatto che Lady abbia 9 anni (fascia d'età ritenuta pre-geriatrica) e viva con altri gatti può predisporre la gattina ad uno stato ansioso o depressivo di cui il leccamento/rasatura del pelo non è che uno dei sintomi più evidenti,
nell'ambito dela diagnosi di una delle diverse patologie ansiose o depressive dei felini domestici (ansia territoriale, depressione da involuzione etc.). Ad esempio, la gatta ha variato l'utilizzazione delle sub-aree territoriali in casa? Dorme come sempre o ha variato i ritmi del sonno? e così via. Infine, il principio attivo del Triptpzil (quando si riporta una prescrizione sarebbe sempre opportuno segnalare anche il dosaggio che è stato indicato) è l'amitriptilina cloridrato, che non è il farmaco di prima scelta in queste forme definite "compulsive" in quanto piuttosto sedativo e meno risolutivo di altri; tutti i farmaci psicotropi,
Con il trascorrere del tempo risultano inefficaci perchè le modificazioni neurofisiologiche a livello cerebrale e periferico a lungo termine rendono praticamente inefficaci i meccanismi dei farmaci impiegati. Resto a sua disposizione (anche telefonicamente, se ritiene) per ulteriori informazioni, sperando di averla aiutata a comprendere meglio la situazione e soprattutto aprendo una porta alla speranza di guarigione della sua gattina!