HOME >>> http://www.waggingweb.com/

PASTORE TEDESCO ADOTTATO AL CANILE CON PROBLEMI
Egregi Signori,  Ho visitato il Vostro sito e preso nota di alcune informazioni circa l'aiuto da dare ad un cane adottato. Vorrei chiedere se l'esperto comportamentale è comunque indispensabile oppure se è possibile procedere autonomamente.
Ho adottato ad un canile un "pastore tedesco" incrociato...di 2 anni circa...l'ho portato a casa da un mese...e per circa un anno mi sono preso di cura di lui presso il canime dove ero volontario. Il cane più sta con me e la mia fidanzata e meno socializza con le persone...nonostante sia sempre stato molto ma molto docile. Riconosce me come "capo branco" ma in certi momenti ha degli atteggiamenti un po' incoerenti...come abbaiare a dei bambini che giocano oppure mostrare i denti a persone che nonostante tutto gli si avvicinano con cautela... mostrando la mano per farsi annusare etc etc. Premetto che Snoopy...pensavo fosse muto all'inizio visto la sua propensione a NON abbaiare quasi MAI. La mia fidanzata è un po' spaventata perché ha paura che il cane possa...morsicare qualcuno...ma vi assicuro che lo abbiamo portato praticamente dappertutto e solo recentemente ha avuto queste reazioni un po' strane. Mi scuso per essermi dilungato un po' e spero che qualcuno possa darmi un piccolo aiuto in risposta a questo messaggio.
Cordiali saluti, Gabriele
WAGGINGWEB RISPONDE
Caro Gabriele, purtroppo avvicinarsi a un cane al canile, anche per un periodo così lungo, non da grandi informazioni su come si comporterà in un diverso ambiente. La vita in canile ha regole particolari. La grande concentrazione di cani, l’ambiente ristretto, i rapporti con l’uomo sporadici, tendono a ridurre le reazioni dei cani. Succede anche ai gatti: metti molti animali nello stesso luogo, e questi per sopravvivere tenderanno a non fare niente. Fare qualcosa, in situazioni di grande affollamento, è troppo pericoloso. I cani del canile sono così: sopravvivono, ma non esibiscono il loro reale comportamento. Una volta fuori da quella situazione, il cane vive un periodo di ambientamento. Mantiene alcuni comportamenti acquisiti in canile, e allo stesso tempo “prova” ad esibirne altri. Cerca di capire cosa funziona e cosa no nel nuovo ambiente. Il tuo cane sta vivendo proprio questo cambiamento, ma non è tutto. Anche se lo conosci da un anno, se il tuo cane ha due anni, non puoi probabilmente sapere quali esperienze hanno segnato i primi mesi di vita. Un cane che ringhia agli sconosciuti forse è stato maltrattato. Allungare la mano è peggio, soprattutto se il cane è stato picchiato con le mani da qualcuno. E’ ansioso, spaventato, allo stesso tempo si sta mettendo alla prova, e mette alla prova chi lo avvicina. L’aggressività è una delle soluzioni che i cani possono trovare a una situazione di crisi (non certo la migliore per l’uomo…), ed è abbastanza tipica dei Pastori Tedeschi ansiosi.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
Non darti per vinto. Il cane ti accetta come riferimento affettivo e gerarchico, e il suo futuro dipende interamente da te. Il primo passo è mettere un po’ d’ordine nella vita di Snoopy. Non puoi ottenere tutto e subito, non da un cane con il suo carattere e il suo passato. Cerca di capire quando è rilassato e quando è teso. Quali situazioni lo rendono felice e quali ansioso. Devi aiutarlo a trovare un nuovo equilibrio, a imparare ad affrontare le situazioni senza stress. Concentrati su un passo alla volta. Insegna a Snoopy degli esercizi di obbedienza, e chiedigli di obbedire in posti, momenti e situazioni diverse. Trova nuove occasioni per premiarlo. Dagli fiducia. Evita contatti con gli estranei, ma insegna a Snoopy che la loro presenza non è pericolosa né stressante. Usa il cibo, il gioco, le coccole, tutto quello che funziona per rinforzare i comportamenti graditi. Non dargli attenzione se si comporta “male”. Se ringhia, vattene. All’ultimo stage di educazione ha partecipato un Pastore Tedesco ansioso/aggressivo. Ha più volte cercato di minacciare gli altri cani, per ottenere l’attenzione dei proprietari e scaricare lo stress. Ogni volta che ci ha provato, uno di noi lo ha tenuto al guinzaglio, e i proprietari si sono allontanati. Questo è bastato per fargli capire che quel comportamento “non funziona”. Se hai altre domande, non esitare a ricontattarci.