HOME >>> http://www.waggingweb.com/

COME E DOVE DIVENTARE ISTRUTTORE?
Buongiorno, il mio sogno è quello di unire il piacere che provo a stare con i cani al mio lavoro, dopo varie ricerche sono venuta a conoscenza di centri cinofili che offrono corsi per diventare educatori e istruttori cinofili, ma purtroppo sono molto cari. Non ci sono altre strade più economiche per acquisire le tecniche e la teoria per svolgere questo lavoro? Per di più conosco un signore che svolge questo mestiere che mi ha sconsigliato questi posti definendoli "mangiasoldi" e mi ha invece consigliato di entrare in questo mondo a poco a poco e che l'unico modo per imparare ad addestrare un cane è fare tanta tanta esperienza sul campo. Lui all'inizio si era iscritto all'associazione ufficiale del pastore tedesco, la quale annualmente organizza corsi del genere a un costo decisamente più abbordabile. COSA FARE?
WAGGINGWEB RISPONDE
Quando abbiamo pubblicato la pagina dedicata ai corsi del nostro centro, abbiamo ricevuto un sacco di richieste per corsi da istruttori. La nostra risposta è sempre la stessa: non esiste oggi in Italia una organizzazione in grado di fornire un diploma ufficiale. Il titolo ottenuto (spesso a caro prezzo), ha un valore relativo, è riconosciuto solo dalla struttura che lo ha emesso. Uno dei corsi più impegnativi (almeno sulla carta) richiede un impegno di due anni, un fine settimana al mese. In tutto, facendo i conti, sono circa 40 giorni di attività, in gran parte di lezioni teoriche, con una limitata possibilità di operare con cani e proprietari diversi. Basta per diventare un istruttore cinofilo? Noi pensiamo di no, soprattutto se si vogliono apprendere e utilizzare metodi basati sul rinforzo positivo. Cosa fare allora? Il consiglio è di iniziare con il proprio cane, seguendo un corso base ed eventualmente dedicandosi a una disciplina agonistica (Agility e Obedience sono accessibili alla maggior parte dei cani e dei conduttori). Prima di insegnare ad altri è importante aver acquisito una certa abilità tecnica con il proprio cane, e una buona conoscenza teorica del comportamento e dei meccanismi di apprendimento. E’ molto importante però scegliere con cura il centro da frequentare. La nostra attività si basa una precisa filosofia, quindi non possiamo che sconsigliare i centri che applicano metodi basati sulla forza, l’autorità, la coercizione. Non basta una pallina in mano o un bocconcino per definirsi “gentili”… La gentilezza NON è una attitudine morale, è il risultato dell’applicazione di principi e metodi scientifici, di esperienza pratica, tecnica, sensibilità. In genere i campi che propongono corsi di Agility hanno un approccio basato sulla motivazione e il rinforzo, piuttosto rare nella maggior parte dei centri di utilità e difesa.
WAGGINGWEB CONSIGLIA
Per intraprendere l’attività di educazione cinofila è importante:
- trovare e frequentare un centro che utilizza metodi basati sul rinforzo e la motivazione. Inutile imparare a dare strattoni, sgridare il cane e costringerlo ad obbedire (a meno di non voler applicare questi metodi).
- Seguire un corso con il proprio cane, cercando di ottenere risultati nell’educazione, insegnandogli dei trucchi simpatici (toccare con le zampe o il naso, fare lo slalom tra le gambe, rotolarsi a comando…), impegnandosi se possibile in una disciplina sportiva, divertendosi e imparando insieme.
- Leggere, leggere e leggere. Esistono ottime letture sul comportamento, l’apprendimento, i metodi basati sul rinforzo e il clicker training. Esistono anche dei video (e presto troverete sul nostro sito i nostri cd-rom su questi argomenti…).
- Frequentare stages, corsi, conferenze per approfondire certi argomenti, imparare a riconoscere i differenti approcci all’addestramento, confrontarsi con persone con simili interessi, apprendere nuove tecniche…
In questa filosofia il nostro centro richiede la frequenza del corso cuccioli o del corso Abilità di Base, del corso Fluency e di un corso pre-agonistico agli allievi istruttori, offre la possibilità di assistentati ai corsi cuccioli e ai corsi base, e organizza degli stages e dei corsi che non offrono un titolo pronta cassa, ma un attestato di partecipazione. Qualunque sia la strada che si segue, il nostro più sincero consiglio è di non scendere mai a compromessi: usate la testa per educare e addestrare i cani, non le braccia!
Vedi anche gli articoli pubblicati nel nostro Mini Sito Educazione