cd retriever

EDUCAZIONE ALLA PULIZIA IN CASA

Il gatto sta diventando l’animale da affezione più diffuso.
E’ piccolo, discreto e allo stesso tempo affettuoso e ha una forte personalità. Anche i gatti però possono causare dei problemi di convivenza. Uno dei più comuni è sporcare fuori dalla cassetta. Vediamo perché succede, e cosa potete fare per risolverlo.

ATTENZIONE ALLA SALUTE
Sabrina ci scrive: “Ho una gattina incrocio con un persiano che non fa uso della lettiera, come posso fare? Usa a volte la lettiera a volte ogni angolo della casa, come posso fare? La gattina ha due mesi e mezzo”.

I gatti a volte possono rifiutare di usare la cassetta igienica. Le ragioni sono diverse. Possono influire sia il comportamento naturale del gatto che problemi veterinari alle vie urinarie. Un gatto con una infezione alle vie urinarie o con dei calcoli, prova dolore quando urina. Il gatto tende ad evitare i posti in cui ha provato una esperienza sgradevole, dunque evita la cassetta igienica perché la associa al dolore. Tutti i gatti che eliminano fuori dalla cassetta dovrebbero essere visitati dal veterinario per problemi alle vie urinarie e trattati se risultano malati.


PULIZIA FELINA
I gatti che vivono liberi scelgono con cura dove sporcare. Preferiscono un fondo sabbioso o terriccio morbido e pulito. Non usano lo stesso posto per più volte, e raramente eliminano dove ha sporcato un altro gatto. Quando chiediamo al gatto di usare la cassetta, gli chiediamo quindi di fare qualcosa di innaturale: usare lo stesso posto più volte e di condividerlo con altri gatti.
E’ sorprendente che molti più gatti non rifiutino di usare la cassetta! Altri motivi per rifiutare la cassetta sono una avversione al materiale usato come assorbente, la cassetta stessa o il punto in cui è stata sistemata. Il gatto può preferire un altro materiale, o un altro punto della casa. I gatti preferiscono luoghi tranquilli, e un fondo morbido, da poter scavare con le zampe. I gattini imparano durante lo svezzamento a preferire un certo fondo. Anche lo stress, l’uso di profumi, la presenza di altri gatti, e altri fattori possono influire. Vediamoli insieme.

Se avete un problema di pulizia è importante offrire al gatto la scelta tra cassette, materiale assorbente e luoghi diversi. La cassetta non deve essere vicino alla ciotola del cibo, in un punto disturbato o di difficile accesso.
Se avete più gatti, sistemate diverse cassette in stanze differenti.

CASSETTA: COME, DOVE, PERCHE’?
Pulizia. Pulite la sabbia tutti i giorni. Se il materiale non è del tipo assorbente, che forma grumi, la cassetta deve essere interamente pulita. Se il materiale è del tipo assorbente, basta eliminare i grumi, facendo attenzione a togliere ogni residuo. Pulite in ogni caso tutta la cassetta ogni due settimane e lavatela con una soluzione diluita di candeggina (cloro). Non usate prodotti che contengono ammoniaca, perché hanno un odore simile a quello dell’urina. Non aggiungete deodoranti, bicarbonato di soda o altro. La maggior parte dei gatti si accontenta di uno strato sottile di sabbia se è pulita. Se non lo gradisce, provate con uno strato più spesso.
Pulizia 2. Pulite il punto in cui il gatto ha sporcato con un prodotto specifico a base di enzimi che eliminando del tutto l’odore di urina e feci. Informatevi presso il vostro veterinario o il negozio di animali.
Sabbia. Offrite al gatto una buona scelta di materiale assorbente. Se non gradisce quello che gli proponete, affiancate cassette diverse con materiali differenti: provate con la sabbia, con i grani, con i grani profumati, con segatura, pellet di carta… Cercate di capire qual è il preferito del micio.
Cassetta. Invece di usare una sola cassetta, usatene due (o tre!). Molti gatti preferiscono usare una cassetta per urinare e una seconda per defecare. La cassetta non dovrebbe essere del tipo coperto, perché intrappola i cattivi odori. La maggior parte dei gatti preferisce una cassetta aperta, con i bordi bassi. La cassetta dovrebbe essere sistemata in un punto tranquillo. Non deve essere sotto qualcosa che può rendere difficile l’accesso o vicino a un termosifone.
Cassetta 2. Offrite cassette diverse: di plastica, metallo, di cartone, quadrate, rotonde, coperte, aperte. Alcuni gatti usano solo cassette molto grandi, potete usare contenitori non specifici per gatti!
Luce. Se i gatti di solito sporcano di notte, lasciate la luce accesa. Contrariamente alla credenza popolare, i gatti non vedono nel buio assoluto, anche se possono vedere meglio con una luce crepuscolare di un uomo.
Isolamento. In alcuni casi è possibile affrontare il problema isolando il gatto per qualche tempo. Lo scopo è proteggere le aree in cui potrebbe sporcare, e scoprire quale cassetta o quale substrato preferisce. Non isolate il gatto per punirlo. L’isolamento è molto utile nelle case con più gatti, per definire quale gatto usa e quale non usa la cassetta. E’ anche utile per abituare il gatto a usare di nuovo la cassetta in un luogo dove non c’è niente che preferisce usare. Per questa ragione, isolatelo in una stanza senza moquette, tappeti o mobili con cuscini e rivestimenti in stoffa, o in una gabbia abbastanza grande da contenere la cassetta igienica, un cuscino per dormire e una ciotola di cibo. Deve essere confinato per tutto il giorno fino a quando non ricomincia a usare la cassetta, e liberato solo quando potete controllarlo.
Punizioni. Non punite il gatto! Se le punizioni funzionassero non ci sarebbero tanti gatti con questo problema… Le punizioni successive al fattaccio sono inefficaci. Se il gatto ha appena cominciato a sporcare, distraetelo con un rumore forte. Se trovate urina o feci non sgridate il gatto, non isolatelo.
Avversione. Per scoraggiare il gatto dall’usare di nuovo l’area in cui ha già sporcato, mettete dei piattini con del cibo secco in quel punto. La presenza di cibo scoraggia l’eliminazione. Proteggete oggetti preziosi con fogli di plastica, una tovaglia di vinile o il tipo di plastica per avvolgere oggetti fragili. Essenze al limone o deodoranti profumati possono tenere alla larga il gatto da una certa zona della casa. Usate la carta stagnola per proteggere la terra dei vasi.
Diario. Tenete un diario del comportamento del gatto, annotando l’uso della cassetta, quale contiene urina e quale feci, il numero di episodi di eliminazioni fuori dalla cassetta, in quale momento del giorno e in quale punto della casa. Da questo diario potete capire se è possibile modificare qualcosa per risolvere la situazione, o chiedere consiglio a un esperto.