cd retriever

VIVERE CON UN MALINOIS

MISTER DYNAMITE!


I Malinois amano l’attività fisica: correre, saltare, nuotare e logicamente tuffarsi. Sono resistenti, tenaci, intrepidi, e non risparmiano energie: sono pronti a lanciarsi in qualunque avventura.

E’ un cane con una forte predisposizione all’addestramento. Questo significa che è attento all’uomo, che ha un grande desiderio di piacere, che può ripetere con la stessa concentrazione venti volte un esercizio per conquistare una pallina, un boccone, una carezza. Non è difficile convincere un Malinois a fare qualcosa, qualunque cosa. E’ orientato sull’uomo; non un uomo qualsiasi: il Malinois è cane di una sola persona.
Non vi ama: vi adora.

Ha una grandissima energia: può giocare per tre ore a riportare un legnetto tra le onde del mare, salvo crollare sulla spiaggia… per mezz’ora! Poi è pronto a ricominciare… E’ uno sportivo, può seguirvi ovunque, in qualunque condizione climatica: grazie al pelo corto e al fitto sottopelo sopporta benissimo il freddo, il caldo, il vento, l’acqua, la neve. Non solo può, vuole seguirvi ovunque: non è certo un cane da lasciare da solo in giardino.

Considerate fin dall’arrivo del cucciolo l’uso di una kennel. I cuccioli possono essere distruttivi. Iniziate subito l’educazione: serve pazienza e fermezza, niente più. Insegnategli a riportare e lasciare quello che ha in bocca a comando; a non mordervi mani e piedi; a venire al richiamo. Hanno una naturale tendenza a seguirvi e a venire quando chiamati. Premiatelo con attenzioni e coccole quando è calmo e affettuoso. Ignoratelo se è nervoso e aggressivo. Il cucciolo può sembrare un leoncino prepotente (un alligatore pazzo??), ma se ben gestito diventerà un adulto educato, equilibrato e simpatico.

C’è una certa variabilità non solo nell’aspetto, ma anche nel carattere: cercate un cucciolo di linee non troppo nervose, che non hanno una predisposizione troppo spiccata al “mordent”, duttili, socievoli e confidenti. Non scegliete il cucciolo più prepotente e neppure quello timido e diffidente.


I cuccioli di Malinois sono incredibilmente precoci. Quando gli altri ancora si muovono incerti sulle tozze zampette, i Malinetti già corrono e ficcano il naso dappertutto. E' importante evitare che combinino guai, e ancora di più che si facciano male saltando giù dalle scale o dallo schienale del divano, rosicchiando qua e là e inseguendo le ruote dell'automobile... I cuccioli sono attratti dai rumori e dal movimento. Basta muovere il tronco e la cucciola Modì è pronta a reagire e sottomettere questo strano avversario.

MALINOIS: DOPO I PRO, ECCO I CONTRO

Se alcune delle caratteristiche che lo rendono uno straordinario sportivo sono presenti in eccesso o in difetto, se è addestrato utilizzando metodi brutali, costringendolo a reagire in aggressività, il Malinois può diventare un cane nevrotico, aggressivo. Proprio i metodi di addestramento sbagliati hanno portato a credere che fosse instabile, inaffidabile. Anche il suo sviluppo precoce può portare ad accelerare i tempi dell’addestramento, a chiedergli più di quanto può dare per la sua età. Può sembrare un cane di ferro, ma è in verità molto sensibile, morbosamente legato al compagno umano; non si deve incrinare o rompere la sua fiducia e la sua confidenza nell’uomo. Gli esercizi di difesa per il Malinois sono un gioco divertente, il cane deve essere contento di giocare con il figurante!

Deve essere educato e addestrato all’obbedienza, altrimenti può essere difficile contenere e controllare le sue energie. Non è particolarmente aggressivo, ma è comunque reattivo e tende a non avere paura di niente o quasi. Se lanciate un bastoncino oltre un baratro, si tufferà all’inseguimento! Tende ad essere poco attratto dai cani, dai quali però non accetta di essere sottomesso. Tende ad essere poco attratto anche dalle persone sconosciute (alcuni però sono molto socievoli).


FISICO DA ATLETA

Dimenticate lo standard: come in ogni razza usata ancora oggi in un compito, è difficile trovare un cane che risponde perfettamente o quasi alla rigida descrizione ufficiale. Anche se con una certa variabilità individuale, un Malinois però è un Malinois: non deve avere le caratteristiche di altre razze; deve esprimere le caratteristiche del Pastore Belga. E’ un cane di media taglia, dal fisico snello, asciutto, con muscolatura potente ma non voluminosa (non come quella di un molossoide o di un terrier di tipo bull). Le zampe sono dritte, poco angolate se paragonate a quelle di un Pastore Tedesco; il profilo della schiena è dritto. Quando è seduto, colpisce l’ampiezza del torace.
Anche se tra standard caratteriale e standard morfologico è data la precedenza al primo (nelle linee di lavoro), agli utilizzatori non dispiace affatto avere un cane bello. Un cane molto bello che non dimostra le qualità tipiche non avrà però nessun futuro come riproduttore. Sono graditi i cani con forme armoniose, corretti nella taglia e nella sostanza, con ossatura forte ma non grossolana. Il colore è rosso carbonato: varia dal giallo con maschera nera e poca carbonatura al rosso cervo con molto nero.

Il Malinois è un atleta: capace di saltare senza difficoltà 1.30 in alto, superare una palizzata di 2.30, un fossato di 4 metri (misure previste dalle prove sportive di Ring). E’ veloce, e resistente. Le sue prestazioni fisiche sono merito sia del fisico da atleta, sia della “testa”: superare un ostacolo non richiede solo muscoli, ma volontà, tenacia, confidenza e motivazione. Il Malinois è un cane che ama il movimento, ha una elevata attività generale, è reattivo. Ha dunque bisogno di attività fisica regolare, ma soprattutto di impegnarsi a livello mentale.