cd retriever

SE IL CUCCIOLO MORDE LE MANI...
e non solo quelle...

Se dovessi fare una classifica dei problemi che descrivete
con maggiore frequenza nelle mail, questo sarebbe certo ai primi posti...
Così, come promesso, ho riunito in un unico articolo tutte le possibili soluzioni.

Mordicchiare è un comportamento naturale
I cuccioli di due mesi passano il tempo a dormire e mordicchiare. E’ un comportamento naturale di esplorazione e di apprendimento. Il cucciolo riduce questa attività dopo circa un mese, ma è necessario anche canalizzare le sue energie in attività più controllabili e gradite. In questi primi mesi è molto importante che abbia la possibilità di incontrare cani adulti ben socializzati: gli insegnano in modo naturale che mordere troppo forte significa interrompere il divertimento, ma anche rischiare di scatenare una pericolosa reazione.

Sgridarlo non serve
Cosa fare però se il cucciolo morde NOI? Sgridarlo non serve a molto, per diversi motivi. I cani hanno estreme difficoltà a capire un concetto astratto come “non fare”. Dunque cercare di insegnare al cucciolo a “non mordere le mani” va oltre le sue capacità mentali. Sgridarlo però dovrebbe servire proprio a questo... Sgridare il cucciolo significa anche aumentare la tensione emotiva. Provate a osservare due cuccioli che giocano. Quando uno dei due va oltre i limiti del gioco, l’altro smette o si eccita e si arrabbia ancora di più? Dipende, direte voi. Certo, dipende dalla situazione: se il cucciolo si spaventa o si fa veramente del male, cercherà di scappare. Se pensa di poter avere la meglio, o non ha l’esperienza e l’abilità per gestire la situazione, probabilmente cercherà di giocare più duro. Morale: sgridarlo funziona solo se siete pronti a spaventarlo o fargli del male sul serio. Per fortuna non è necessario: potete fare di meglio!!

MORDE LE MANI

SOLUZIONE 1: “Ahia!”
Questa è la soluzione che ero solita consigliare in passato. In pratica quando il cucciolo morde le mani, se vi fa del male, dovete dire “Ahia!“ e interrompere il gioco. Il cucciolo impara che mordere troppo forte significa smettere il divertimento, e “Ahia!“ diventa il segnale che gli comunica che sta esagerando. Se il cucciolo continua a mordere, non cercate di trattenerlo o di sgridarlo con mani e voce. Meglio isolarlo per alcuni secondi (secondi, non minuti o mezze ore!!), quindi liberarlo, e ripetere il tutto se torna a esagerare.

Questa procedura da sola però non sempre funziona. Come abbiamo visto, “non fare” è un concetto troppo astratto per un cane. Per aiutarlo a capire cosa ci aspettiamo da lui è importante anche dargli l’informazione positiva: “cosa fare”.
Provate questo esercizio: tenete un bocconcino in mano, quando il cucciolo prova a prenderlo dite "Ahia!"; se allontana il musino, dategli il boccone e ditegli bravo. Questo per insegnargli ad allontanare i denti dalle vostre mani. Attenti però a non concatenare (mordo, smetto, ottengo un boccone), per limitare questo rischio, chiedete al cane di non mordicchiare PRIMA che ci provi (quando allunga il muso verso i vestiti).

SOLUZIONE 2: Osso e giocattolo “alimentare”
I cuccioli hanno bisogno di rosicchiare qualcosa. Le nostre mani sono piacevoli: sono morbide, si muovono, permettono al cucciolo di starci vicino e di divertirsi allo stesso tempo. Cercate di ricreare la stessa situazione, evitando però di farlo giocare con mani e vestiti. Prima di tutto, scegliete qualcosa di adatto. Un cucciolo di due mesi non sarà attratto dagli ossi di pelle, troppo duri da masticare. Cercate qualcosa di più morbido e di gustoso. Dai tre mesi l’osso di pelle è una buona alternativa, ma potete usare anche dei giocattoli di gomma (meglio se in gomma naturale). Per renderli più interessanti potete spalmarli con succo di frutta o con tonno in tubetto (o maionese o qualcosa si simile). Se il giocattolo lo permette (es. il Kong), potete imbottirlo di crema di formaggio e biscotti secchi. Ogni tanto tenete il cucciolo in braccio, mentre mastica, rosicchia e lecca il suo gustoso giocattolo. Questo vi permetterà anche di evitare conflitti in presenza di cibo.
SOLUZIONE 3: pallina
Quando il cucciolo è un pochino più grande, verso i tre mesi, potete iniziare a canalizzare i giochi orali su un giocattolo che può essere lanciato, inseguito, catturato e riportato, come una pallina di gomma. Attenti al materiale! Con i cuccioli più piccoli e delicati nella presa potete usare palline di gomma morbida, altrimenti sceglietele più dure, sempre di dimensioni adeguate alla bocca del cane.
Non tirate fuori la pallina nel momento in cui il cucciolo cerca di mordervi le mani. In questa fase potrebbe essere troppo eccitato per interessarsi alla pallina, e il movimento delle vostre mani potrebbe attirarlo più del giocattolo. Introducete il gioco con la pallina quando il cucciolo è attivo ma non eccitato. Lanciate la pallina! Infilarla nella bocca del cane, credetemi, non è per niente divertente...
Se è un gioco che gli piace, e ha la tendenza a mordervi soprattutto quando tornate a casa, tenete una pallina in auto o nella borsa, e dategliela non appena entrate in casa. Se non è interessato a questo gioco, scegliete una soluzione differente.
Le regole per giocare con la pallina sono semplici: il cane deve lasciare a comando ciò che ha in bocca. Non deve provare a prendere quello che avete in mano se non autorizzato. Deve riportare vicino gli oggetti lanciati, e lasciarli a comando. Tutto qui. Per farlo lasciare, usate una manciata di bocconcini. Comando - bocconi - prendete l’oggetto. Poi: comando - prendete l’oggetto - bocconi. Oppure usate due palline o due giocattoli ugualmente graditi.
Ultima nota: cambiare tanti giocattoli non è una buona idea, meglio “fissare” il comportamento di gioco su uno o due oggetti, in modo da evitare che il cucciolo cominci a pensare che tutto ciò che trova è gioco!

SOLUZIONE 4: Contendere un giocattolo
I giochi di lotta sono molto divertenti e stimolanti per il cucciolo, e possono essere utilizzati per fargli fare attività e per costruire un bel rapporto di gioco. In passato si diceva: “mai giocare a contendere un oggetto, perché il cane impara a essere dominante!“. Tutte idiozie. Se fatto nel modo giusto il gioco di tira-e-molla non crea nessun problema.
Come per il gioco con la pallina, introducete questo gioco quando il cucciolo NON vi sta mordendo le mani. Usate un oggetto appropriato: nodo di stoffa, salamotto di tela, straccio di juta, anello di gomma... Se il cucciolo molla il giocattolo e cerca di mordervi le mani, interrompete il gioco.

Per giocare bene a tira-e-molla il trucco è semplice: afferrate l’oggetto e muovetelo davanti al cane, fino a quando non lo afferra. A questo punto giocate a contenderlo, in modo non troppo “molle”, ma neppure brutale. E’ un gioco: deve essere divertente! Quando il cucciolo dimostra di divertirsi, mollate la presa e andate indietro. Il cucciolo deve venirvi vicino per continuare a giocare CON VOI. Il gioco deve essere: ti porto l’oggetto così giochiamo insieme a contenderlo. E’ fondamentale che il cane impari a venire da voi per giocare, non a scappare via con l’oggetto in bocca.
Le regole: lasciare l’oggetto a comando - non prendere l’oggetto dalle mani senza autorizzazione - non fare del male (es. mordere le mani!).
SOLUZIONE 5: Mordere, ma con moderazione
Questa, con i cuccioletti di poche settimane, è una delle mie soluzioni preferite. Richiede un po’ di sopportazione e auto controllo, ma se ci riuscite è davvero un ottimo sistema per insegnare al cucciolo a controllare il morso. Per quanto strano, in questo caso il sistema per farli smettere è lasciare che il cucciolo vi mordicchi la mano, rimanendo immobili, e interrompere questo strano gioco solo se stringe troppo forte. Gradatamente chiedete al cucciolo di essere sempre più delicato. L’informazione che gli date è: va bene mordicchiare, ma se esageri il gioco finisce. Dovete però rimanere calmi e impassibili, altrimenti stimolate l’eccitazione e la predazione.
Per sentire meno male (le prime volte il cucciolo proprio non sa regolarsi), è meglio provare quando il cucciolo è un po’ stanco. Prendetelo in braccio, rimanete tranquilli, e lasciate che vi mastichi una mano. Cercate di tenere il dito sui molari, i canini sono terribilmente aguzzi! Se chiude troppo dite: “Ahia!”, il senso è: “Mi hai fatto male!”, non “Guai a te se mi mordi”. Il cucciolo in genere reagisce con comportamenti di riconciliazione, leccandovi il volto. Tutto questo funziona solo se somiglia a un tranquillo masticare, più che a un gioco di lotta.

MORDE I PIEDI
Alcuni cani, soprattutto i cani da conduzione come il Border Collie e i cani da utilità e difesa, come il Pastore Belga e il Pastore Tedesco, tendono a cacciare e mordere i piedi quando camminate. Immobilizzatevi ogni volta che il cucciolo vi assale, e ripartite solo quando rinuncia al gioco. Canalizzate l’impulso di predazione su un oggetto che potete gestire.

MORDE IN FACCIA
I cuccioli possono essere eccitati e spaventati quando avvicinate il viso al loro muso. Una tipica reazione è quella di mordere, a volte anche in modo piuttosto aggressivo. Se non vi crea problemi, potete insegnare al cucciolo a leccarvi. Spalmate un po’ di succo di frutta sulle vostre mani, e lasciate che lo lecchi. Associate questo comportamento a una parola, e usate la parola per chiedere lo stesso comportamento quando avvicina il muso al vostro volto. Se non vi piace farvi leccare in faccia, evitate di avvicinare la vostra testa alla sua, fino a quando non avrà più auto controllo e avrà imparato ad esibire altri comportamenti.

ROSICCHIA OGGETTI DI CASA
Le soluzioni sono identiche a quelle seguite per risolvere il problema del mordere le mani. Il cucciolo deve imparare a orientare i comportamenti di esplorazione e di gioco orale su oggetti appropriati (ossa di pelle di bufalo, giocattoli di gomma naturale imbottiti di cibo). La casa, nei primi mesi di vita, deve essere a prova di cucciolo. Se il cucciolo esibisce questi comportamenti quando siete casa, è inutile sgridarlo (aumenta lo stress e per assurdo focalizzate l’attenzione proprio su quell’oggetto). Meglio richiamarlo con un suono, un verso, e dargli l’oggetto appropriato per giocare. Quando il cucciolo è da solo non deve avere accesso a oggetti che può masticare e rovinare, ricordate: non potete addestrare un cane quando non siete assenti e se non avete il controllo dei rinforzi (ciò che il cane vuole).
L’idea di offrirle un giocattolo alternativo è ottima, ma devi insistere! Prova a usare giocattoli di gomma naturale, imbottiti di cibo gustoso.