cd retriever


I cuccioli di Border sono irresistibili, come tutti i cuccioli. Il loro atteggiamento può sembrare serio, a volte quasi introverso, e se vengono costretti all'inattività fisica e mentale possono manifestare delle nevrosi. Se ben gestiti sono dei piccoli Einstein dell'addestramento, pronti a recepire ogni segnale del loro compagno umano.





Anche se é estremamente sensibile, il Border non é affatto un cane fragile, ma anzi, può manifestare un carattere piuttosto forte e indipendente, una caratteristica comune alle razze selezionate per il lavoro. La sua esuberanza deve essere ben canalizzata e gestita, senza mai ricorrere a metodi violenti.

Superstar

Sempre nel nostro Paese, il Border ha conquistato i favori del grande pubblico soprattutto grazie alla sua fulminea carriera nel mondo dello spettacolo: nel film australiano “Babe”, a fianco di un insolito maialino con ambizioni da cane pastore, in alcuni telefilm di produzione nostrana, come “Il Maresciallo Rocca”, ma soprattutto grazie a una fortunata serie di spot.

Anche se è meno appariscente di altre razze, esibisce un fascino discreto e indiscutibile: l’espressione seria ma dolce, il bel mantello bianco e nero, il look quasi da bastardino, capace però di fare cose meravigliose per il compagno umano, hanno presto decretato il suo successo, come cane “speciale”, da veri appassionati cinofili.

Un cane per pochi…

Proprio le straordinarie caratteristiche selezionate per il lavoro, la grande rapidità di apprendimento, un forte istinto predatorio, che si esprime nella tendenza a radunare e a fissare, con il cosiddetto “eye”, lo sguardo fisso del predatore che punta la preda immobile, pronto a rincorrerla quando questa si muove, e una pulsione fortissima al lavoro, rendono il border un cane adatto a pochi.

Per vivere felice non gli bastano cure e coccole, ma ha un grande bisogno di impegnarsi in un compito, meglio se ha quattro zampe e un mantello di soffice lana, e di trovare nel compagno umano un amico ma anche una persona allo stesso tempo autoritaria e sensibile. Se costretto all’inattività può manifestare stress e nevrosi, del tutto sconosciute ai cani che possono esprimersi nel lavoro.

Per chi non vuole rinunciare alla scelta di un Border, gli esperti della razza suggeriscono piuttosto gli esemplari delle linee selezionate più per la morfologia che per le attitudini al lavoro, che hanno caratteristiche meno accentuate.

<< prima parte